Chi vincerà il premio Nobel per la letteratura? -

Chi sarà il premio Nobel per la letteratura 2011? Mancano poco al 6 ottobre, giochiamo a indovinare. Come? Così:
1. vota il tuo candidato nel sondaggio qui sotto. Puoi anche aggiungere nuove candidature (che però vaglieremo prima di inserirle nel sondaggio, per evitare nomination di chi voglia far troppo le spiritose).
2. Scrivi, se vuoi, il motivo della tua scelta (bastano 1 o 2 righe);
3. a coloro che avranno indovinato e scritto le motivazioni migliori o più simpatiche regaleremo un libro del vincitore stesso.

Aggiornamento: Il giochino è finito, il sondaggio non c’è più. Il vincitore (del Nobel) è il poeta svedese Tomas Transtromer. Complimenti a Cristina Cappellini, che ha puntato su di lui e ha pure scritto nei commenti il perché. Ecco i risultati dei vostri pronostici: indovinare non era facile.

nobelsondaggio2011 Chi vincerà il premio Nobel per la letteratura?

 

 


Scritto da bol.it - 30 settembre 2011

Parole chiave

Nobel

28 commenti


  1. sabrina procicchiani
    3/10/2011 , 12:29

    Eugenio Corti.


  2. 3/10/2011 , 12:41

    La poesia ci salverà; in un momento critico come quello che stiamo vivendo abbiamo bisogno di “visioni” ampie e solo la poesia ce le può donare: Adonis, il giusto interprete.


  3. antonio
    3/10/2011 , 12:46

    Cormac McCarthy. Per la crudezza nella rappresentazione della normalità del lato oscuro dell’animo umano.


  4. 3/10/2011 , 12:53

    antonio ora abbiamo corretto. per favore quando scrivete la motivazione aggiungete il nome.


  5. 3/10/2011 , 12:58

    Io voto McCarthy. Per una serie di motivi. Ma, soprattutto, per un motivo. Il suo libro migliore (Non è un paese per vecchi), è stato l’opera con cui io e quella che è poi diventata la mia fidanzata abbiamo iniziato il nostro personalissimo prestito incrociato di libri. Se poi si aggiunge che la versione cinematografica dei fratelli Cohen è riuscita, pur partendo da un testo così freddo, a farmi sbellicare dalle risate, non mi restano dubbi su chi votare.


  6. marco
    3/10/2011 , 13:33

    Credo che lo vincerà Cormac McCarthy. Perché quelli dell’accademia svedese si divertono da pazzi a far imbestialire Philip Roth


    • ilaria
      3/10/2011 , 16:58

      aahah bellissima considerazione, il povero roth lo vincerá da morto, forse. ma spero per lui di no, anche se, nobel o no, rimane uno dei piú grandi scrittori americani.


      • marisabenci
        29/03/2012 , 14:39

        scrittori viventi, perché se andiamo indietro…


  7. 3/10/2011 , 15:14

    Secondo me lo vincerà il poeta siriano Adonis (Ali Ahmad Said Asbar)! La poesia è nata con la nascità dell’uomo e con la sua sensibilità è il più adatto per vincere il nobel quest’anno!


  8. 3/10/2011 , 15:19

    Secondo me potrebbe vincere Adonis,poeta siriano che a giugno ha pubblicato una lettera aperta al presidente siriano Al Assad per chiedere la fine dei metodi repressivi contro i manifestanti in piazza.La poesia può davvero salvare quest’umanità


  9. 3/10/2011 , 15:20

    Per me il vincitore del nobel di quest’anno sarà Adonis, il più grande poeta arabo dei nostri tempi. I suoi versi armonici non posso passare inosservati e sarebbe una novità tra i vari nobel della letteratura vinti in passato.


  10. Cristina Cappellini
    3/10/2011 , 15:30

    Tomas Tranströmer, padrone di casa, nato proprio a Stoccolma, dopo averlo illuso l’anno scorso…non facciamolo rimaner male anche quest’anno!!!


  11. Daniela
    3/10/2011 , 15:44

    Penso che vincerà Cormac McCarthy poiché è in grado di realizzare una narrazione raffinata quanto spietata di una realtà resa tale dalle troppe schifezze che ammorbano il nostro vissuto quotidiano.


  12. alessandro
    3/10/2011 , 15:47

    Secondo me lo vince il poeta-scrittore Cormac McCarthy perchè le sue opere di narrativa sono speciali. Ogni volta che leggo le sue opere mi emoziono come nel libro e nel film The Road!


  13. VitoGigante
    3/10/2011 , 16:11

    Io voto Jonathan Safran Foer…così enigmatico in “Ogni cosa è illuminata”, così vero e toccante in “molto forte incredibilmente vicino”


  14. 4/10/2011 , 09:46

    Cormac McCarthy… perchè porta il fuoco, chiaramente.


  15. Rosy
    4/10/2011 , 10:05

    Vorrei vincesse Camilleri, perchè cominciare a leggere un suo libro è come cominciare un viaggio nel tempo e nello spazio, fino al dove e al quando raccontati. E poi è italiano..


    • marisabenci
      29/03/2012 , 14:41

      d’accordissimo!


  16. Teresa
    4/10/2011 , 20:00

    Spero e voto la Oates! Non solo perché finalmente vincerebbe qualcuno che conosco (:D) e stimo profondamente, ma anche per ragioni serie: trovo che sia un’acutissima descrittrice dell’animo umano, e l’America che dipinge è attuale e verosimile.
    Sperar non nuoce!


  17. anna spadone
    5/10/2011 , 09:31

    Camilleri, proprio per il verismo delle situazioni che la sua fantasia crea, tanto da farci credere che siano cose accadute veramente.


  18. ANNA VITTORIA
    5/10/2011 , 18:31

    Paulo Coelho
    L’amore arriva, si insedia e dirige tutto. Solo le anime forti si lasciano trasportare.
    dal libro “La strega di Portobello”


    • marisabenci
      29/03/2012 , 14:42

      frase già sentita, nel concetto, da Ovidio e Catullo


  19. mariejenny
    5/10/2011 , 18:36

    David Grossman

    l’ovvietà sconcertante delle sue osservazioni mirabilmente poste nero su bianco


  20. Angela
    5/10/2011 , 22:57

    Voto un outsider, Claudio Magris. Per la sua intensità e profondità, perchè nei sui libri ho sentito le radici e l’appartenenza ad una cultura profonda, perchè è uno che ha fatto dell’europa – e del mondo – la sua casa


  21. francesco
    6/10/2011 , 11:57

    Murakami perché è orientale e l’oriente ha tanto da farci scoprire, da farci imparare.
    Murakami perché è giapponese e il Giappone ha bisogno di tornare a sorridere.
    Murakami perché ti porta in mondi ‘possibili’ in cui puoi scoprire te stesso.
    Murakami perché ha una penna che scorre fluida sulla pagina.


  22. paola floris
    6/10/2011 , 11:57

    mi piacerebbe molto lo vincesse roth ,ma dato che come ha detto marcoall’accademia svedese si divertono molto a farlo imbestialire, credo che opteranno per il più elitario Adonis.


  23. Elena
    6/10/2011 , 12:12

    Cormac McCarthy!!! Perchè è un vero scrittore come ne esistevano tempo fa, un uomo che non ha bisogno di amicizie mondane per essere un gran scrittore e che nei suoi libri riesce a trasmetterti il vero senso di quel che è scritto. Ho letto tante sue opere e secondo me in ognuna di esse vi è grande sapienza artistica e letteraria. In particolare ricordo Cavalli selvaggi, con il quale ha conquistato il National Book Award, oltre naturalmente al famoso Non è un paese per vecchi che tutti conoscono credo.


  24. maria
    6/10/2011 , 13:08

    Cormac McCarthy. mi è simpatico

Torna su