I radical chic, Vincent Van Gogh, Marilù Oliva e…

Buon lunedì di rassegna stampa: di libri, di gente che scrive libri, di gente che legge chi scrive di libri.

  •  La tesi parte dall’osservazione dei salotti tv “di livello”: Dandini e Bignardi hanno gli ascolti in calo, e anche Umberto Eco ormai, pare non faccia più colpo. E’ la crisi dei radical chic? ”Senza un nemico da combattere rischiano la fine dei panda, e non si capisce quale Wwf li possa salvare dall’estinzione”: spietata Mariarosa Mancuso nel suo articolo intitolato Addio al radical chic. Nel mirino la vasta schiera (e questo già dovrebbe far pensare) degli intellettuali con la puzza sotto il naso che vedono la gente giusta, schifano la massa, e poi ne creano un’altra. Ma sono davvero in sofferenza? L’articolo va letto, perché i livelli sono molti e gli spunti pure troppi. Intanto però è un ottimo modo per ricordare un paio di letture sul tema: Radical chic. Il fascino irresistibile dei rivoluzionari da salotto di Tom Wolfe , colui che coniò la definizione nel 1966, e La casta dei radical chic (Newton Compton) di Massimiliano Parente.
    Tag: #specieprotetta
    Fonte: Corriere.it
  • C’è chi inizia tardi per poi diventare un grande artista. C’è chi prima dei 27 anni manco sapeva cosa significasse la pittura. Tipo Vincent Van Gogh. Da questo punto è partito Giovanni Montanaro per il suo Tutti i colori del mondo (Feltrinelli). Il maestro, non ancora pittore, si imbatte in Teresa, ragazza di Gheel, paesino belga popolato in gran parte da malati di mente. Sarà Teresa a riconoscere per prima l’ispirazione in Van Gogh. E a ritrovarlo pittore molti anni dopo, quando gli scriverà una lettera appassionata. In mezzo, una storia terribile di psichiatria sperimentale. “Ho studiato il materiale ottocentesco sul villaggio di Gheel e i trattati medici dell’epoca su coloro che erano considerati matti. C’è molta ricerca storica in questo libro e non poteva essere diversamente: tutta questa ferocia, se l’avessi inventata, se fosse stata solo frutto della mia fantasia, sarebbe stata patologica” ha spiegato l’autore.
    Tag:  #pennelli
    Fonte: Corriere del Veneto
  •  Fuego non è il titolo di una nuova canzone dei Litfiba, ma l’ultimo romanzo di Marilù Oliva (Elliot). Una storia della Bologna di notte illuminata dalle fiamme di un indefesso piromane. E di personaggi strani che si aggirano per le vie, e inquietano. Niente di didascalico: la musica avvolge personaggi, e il viaggio nell’io è dietro l’angolo.
    Tag: #nongiocarecolfuoco
    Fonte: Noubs
  • Si parlava della direttiva ministeriale sui libri scolastici in formato misto (non solo cartaceo ma anche digitale), e c’è chi non si perde in chiacchiere. Trattasi del Trentino Alto Adige.  La Giunta di Trento in una  delibera ricorda che “secondo l’impostazione assunta a livello nazionale, a valere dall’anno scolastico 2012-2013 i libri di testo adottati devono essere redatti in forma mista (parte cartacea e parte in forma digitale) ovvero debbono essere interamente scaricabili da internet. In ragione di ciò, a partire dal prossimo anno scolastico, non possono essere adottati testi scolastici in forma esclusivamente cartacea”. L’uomo del monte ha detto proprio sì.
    Tag: #scuoladigitale #chibencomincia
    Fonte: La voce del Nordest
  • “Quant’è bella giovinezza, che si fugge tuttavia!” E menomale, pare.  Secondo David Brainbridge, autore di Middle Age, il successo arriva dopo i 40. Con il “giro di boa” si perde un po’ di dinamismo nel fisico, ma si guadagna in prospettiva. Si vedono le cose diversamente. Non si perdono i passaggi. E il cervello impara ad usare tutto quello che ha a disposizione (oddio, su questo andrebbe inserito un beneficio del dubbio su molti soggetti). Insomma sembra quasi che la fioritura dell’essere umano risieda proprio lì, a quella soglia degli -anta che fa un po’ paura a tutti. Altro che andropausa e menopausa: si diventa quasi super eroi potenziati. E se lo dice la scienza…
    Tag: #quantèbellagiovinezza #megliotardi #gallinavecchiafabuonbrodo
    Fonte: Daily Mail

More in Notizie (75 of 103 articles)
Rassegnati libri


Pronti per il weekend? Venerdì di rassegna stampa: di libri, di gente che scrive libri, di gente che legge chi scrive di libri.  Più si va avanti con gli ebook, ...